Using Technisat Skystar2 with Ubuntu 7.10

skystar2Sono anni ormai che utilizzo la mia fida Technisat Skystar2 per vedere la tv satellitare sul pc, visto che ancora oggi non si trovano howTo veramente pratici su come utilizzarla con linux ho deciso di scrivere questo post che spero sia di aiuto a chi ha questa scheda è la vorrebbe utilizzare col suo fido pinguino.

Si comincia!!!

Usando lspci la scheda viene vista nel seguente modo…

paolomargara@vortexrikers:~$ lspci -nn |grep SkyStar2
01:09.0 Network controller [0280]: Techsan Electronics Co Ltd B2C2 FlexCopII DVB chip / Technisat SkyStar2 DVB card [13d0:2103] (rev 02)

…i moduli per il kernel necessari al funzionamento della SkyStar2 con linux sono b2c2_flexcop_pci e mt312, entrambi sono presenti in tutte le distribuzioni recenti, quindi questa scheda funziona out-of-the-box con linux!

Bisogna dire che ci sono essenzialmente due metodi per vedere la tv con questa scheda: il primo richiede l’utilizzo di dvb-utils ed mplayer alla riga di comando, l’altro richede semplicemente l’utilizzo di kaffeine…io affronterò entrambi…a voi la scelta!!!

Dimenticavo…il sito di riferimento del settore è LinuxTV, dateci un’occhiata perchè è pieno di informazioni interessanti!

Metodo 1 – dvb-utils & mplayer alla riga di comando

Nel caso optiate per utilizzare la riga di comando la prima cosa da fare è installare le dvb-utils tramite l’ormai noto apt-get, questo pacchetto contiene le utility a riga di comando per la ricerca dei canali, la loro sintonizzazione e l’elenco dei transponder per per i vari satelliti.

Ora è necessario creare l’elenco dei canali, per farlo bisogna usare l’utility scan dandogli come parametro il file contenente i transponder del satellite di cui vogliamo fare la scansione, nel caso in cui si sia in possesso di un’impiando dual-feed bisogna aggiungere un parametro che comunica all’utility su quale uscita del diseqc è attestato l’illuminatore puntato sul satellite in questione.

Di seguito un esempio di utilizzo con un impianto dual-feed con astra sul primo illuminatore e hotbird sul secondo:

paolomargara@vortexrikers:~$ scan -s 1 /usr/share/doc/dvb-utils/examples/scan/dvb-s/Hotbird-13.0E > channels.conf

paolomargara@vortexrikers:~$ scan -s 0 /usr/share/doc/dvb-utils/examples/scan/dvb-s/Astra-19.2E >>channels.conf

Ora si può usare szap per sintonizzare il canale che vogliamo, se vogliamo si può usare szap col parametro -q per avere l’elenco dei canali disponibili, una volta scelto basta eseguire szap col parametro -n $NUMERO_CANALE e -r, in entrambi i casi specifichiamo la posizione del file channels.conf col parametro -c, dopodiché non resta che eseguire mplayer.

Ad esempio poniamo di aver scelto di vedere RAI 1 su astra, una volta scoperto il numero del canale non resta che digitare…

paolomargara@vortexrikers:~$ szap -n 868 -r -c channels.conf > /dev/null &

paolomargara@vortexrikers:~$ mplayer - < /dev/dvb/adapter0/dvr0

skystar2_mplayer

Ecco un immagine che riassume meglio di mille parole quanto prodotto fin’ora, come si può notare mplayer provvede a fornire tutta una serie di statistiche ed informazioni sullo stream audio/video che sta processando. Questo metodo non risulta particolarmente comodo in quanto scorrere l’elenco dei canali e cambiarli implica l’interruzione di mplayer, l’interruzione di szap, scegliere il canale che vogliamo vedere con szap, la ri-esecuzione szap per la sintonizzazione e l’esecuzione di mplayer, il tutto và fatto ogni volta che cambiamo canale…per fortuna ci viene incontro kaffeine a rendere tutto più pratico…

Metodo 2 – kaffeine

Con kaffeine tutta la configurazione viene effettuata tramite l’interfaccia grafica.
Una volta installato il programma tramite apt-get o synaptic ed averlo eseguito ci si trova davanti ad un’apposita gui che vi guida nella configurazione di kaffeine

inst1_low inst2_low

kaffeine esegue un check su ciò che installato sul sistema ed in seguito chiede conferma su alcune opzioni…

dvbcnf1_low dvbcnf2_low

…successivamente viene aperta una schermata che vi guiderà nella configurazione della vostra scheda dvb-s, è bene segnalare che kaffeine supporta anche dvb-t e dvb-c. Come si può notare è possibile eseguire un aggiornamento dell’elenco dei transponder dei vari satelliti ed impostare la configurazione del proprio impianto…

kaf1_low kaf2_low

…ora ci si trova davanti alla schermata principale di kaffeine, non resta che generare l’elenco dei canali. Per procedere basta cliccare sul tasto “TV digitale”, successivamente accedere cliccando su ”DVB -> Canali…’‘ alla schermata di scanning dei canali, selezionare il satellite di nostro interesse ed avviare la scansione, al termine importare l’elenco dei canali trovati all’interno della propria lista dei canali, in questa fase è anche possibile eseguire un’operazione di filtering sulla lista dei canali disponibili importando solo TV, solo radio, solo i criptati oppure un mix di queste opzioni…

skystar2_kaffeine

…ora non resta che goderci la nostra TV digitale via satellite sulla nostra linux-box!!! Ovviamente kaffeine supporta la registrazione ed il timeshift

Be Sociable, Share!

    Related post:

    5 Comments

    1. Sukkorola says:

      Beh, è davvero tutto terribilmente simile al DVB-T (guardacaso…).

    2. MRG says:

      se sono procedure molto simili è tutto merito di kaffeine!!!

    3. vava says:

      Grazie per la guida, mi è stata molto utile, soprattutto per kaffeine!!!
      ha funzionato al primo colpo!!

    4. Leonardo says:

      Il comando scan mi restituisce:
      scanning /usr/share/doc/dvb-utils/examples/scan/dvb-s/Hotbird-13.0E
      using ‘/dev/dvb/adapter0/frontend0’ and ‘/dev/dvb/adapter0/demux0’
      main:2284: FATAL: failed to open ‘/dev/dvb/adapter0/frontend0’: 2 No such file or directory

      nella cartella /dev non c’è il resto (adapter0 …)

      come posso crearle ?

      Ho Ubuntu 10.4

    5. Leonardo says:

      Ho dimenticato di scrivere che la scheda è Techsan Electronics Co Ltd B2C2 FlexCopII DVB chip è sembra che i moduli siano presenti nel Kernel 2.6.35-28-generic (b2c2_flexcop_pci) la versione corretta di Ubuntu è la 10.10

      Giurerei di averla fatta funzionare per qualche giorno poi forse un esperimento di troppo ho rovinato tutto. come si può rimediare?