L’italia come la cina?





Perchè l’Italia è come la Cina?

Perché ospiteremo i giochi olimpici? Non mi sembra…

Perché siamo in pieno boom economico? Manco a parlarne…

Bhè sarà mica che abbiamo la censura? E si è per questo…

Non sono i soliti allarmismi lanciati dai soliti noti stavolta c’è l’ordinanza di un GIP che lo conferma, e guarda caso riguarda una delle risorse in cui non è sufficiente mettere l’amico dell’amico nel posto giusto per ottenere il controllo ma riguarda internet.

Avete capito bene.

Un GIP di Bergamo con un’ordinanza del 01 agosto ha imposto ad alcuni ISP Italiani di rendere irraggiungibile il sito internet the pirate bay, a questo link è possibile leggere l’ordinanza che per i più pigri riporto nei tratti salienti…

...richiesta di sequestro preventivo depositata dal Pubblico Ministero in
data 25 luglio 2008 avente ad oggetto il sito web rispondente
all’indirizzo www.thepiratebay.org;
- ai relativi alias e nomi di dominio presenti e futuri, rinvianti al sito rnedesimo:
- all’indirizzo IP statico 83.140.176.146, che al momento risulta
associato ai predetti nomi di dominio, e ad ogni ulteriore indirizzo IP
statico associato ai nomi stessi nell’attualità e in futuro.
...

A parere del sottoscritto questo fatto è di una gravità estrema, non tanto per quello che è il sito in questione ma per il principio che afferma, vale a dire che in Italia è lecito bloccare una risorsa internet fisicamente collocata al di fuori del territorio nazionale semplicemente oscurando un’entry nel server DNS di un ISP o bloccando l’indirizzo IP ad essa associato.

Esattamente come fanno i Cinesi con wikipedia ed altri siti etichettati come scomodi.

forse è meglio rinfrescare il concetto di censura come è presente sul dizionario…ovvero è definita come controllo esercitato da un’autorità civile o religiosa su pubblicazioni, spettacoli, mezzi di informazione, per adeguarli ai principi della legge, di una religione o di una dottrina morale.

Inutile dire che ad alcuni ISP e hoster web questo fatto non è piacciuto, tra questi c’è tophost che ha registrato un dominio che tratta questa tematica e i suoi futuri sviluppi… “Misura la censura!”, fra le altre cose mette a disposizione un utile widget (prontamente inserito in questa pagina) che monitora la raggiungibilità dei domini oggetto di questo provvedimento da parte della vostra connessione misurando in questo modo il livello di censura praticato dal vostro ISP.

Sempre sul sito “Misura la censura!” nei prossimi giorni verrà pubblicato un grafico per misurare l’impatto che quest’ordinanza sull’utenza Italiana, solo allora potremo verificare se questa storia si risolverà all'”Italiana” a dimostrazione di un colpo di calore estivo di un GIP di provincia oppure se comporterà un’effettiva mutazione di quelle che sono (saranno) le nostre (future) abitudini.

Be Sociable, Share!

    Related post:

    4 Comments

    1. Noko says:

      Mah, io usavo TNT Village e hanno chiuso pure quello. Comunque non è che mi sono stupito più di tanto visto che lo usavano tutti per scaricare roba protetta da copyright (come me, lodico qui pubblicamente). Sapevo che prima o poi saerebbe successo.

      Poi se vogliamo discutere sui metodi…ok

    2. MRG says:

      A parte che TNT Village è online a questo indirizzo, il discorso è che con un dominio registrato in Italia il governo Italiano può fare ciò che vuole (nei limiti della legge) ma bloccare un dominio registrato in un altro paese, e quindi sotto un’altra giurisdizione, a me sembra una cosa da Cinesi.

      Qua è proprio sui metodi che vorrei discutere…

    3. Noko says:

      Morto un papa se ne fa un altro. Il vecchio sito era qui:
      http://www.tntvillage.org
      avranno cambiato hosting approfittando del ritorno dalle ferie?

    4. MRG says:

      Ma è più o meno da fine maggio che il sito si è spostato 😆
      Comunque il problema in quel caso è causato dal loro fornitore del servizio DNS ed il sito non è stato chiuso ma soprattutto non c’è un’ordinanza di nessun giudice in merito…ci sono stati anche degli articoli su punto informatico che ne parlavano…questo è il link alla news